03/06/2019
Learn Russian online in July
Do not miss our special offer! 4 webinars (The usage of the verbal participles in the Russian language) B1+ Online exercises + 1 Skype lesson
21/05/2019
Discounts for beginner courses
Standard group course - 150 euro per week (for those who have already got a visa to Russia or do not need a visa to come to Russia)
30/04/2019
Lear Russian online with us!
We have already started the lessons from our new webinar package but it is still possible to join!
01.12.2016 16:24
Saint-Petersburg, in italiano
1067

Due anni fa ero stato a San Pietroburgo, avevo sentito molto parlare delle banja, ma non ci ero andato. Dopo due anni eccomi nuovamente a San Pietroburgo, questa volta non potevo farmele sfuggire!

Ma cosa sono le banja?

Le banja o saune Russe sono una delle tradizioni più importanti in Russia ed esiste da svariati secoli. Queste sono uno dei passatempi preferiti dai russi ma anche un simbolo di salute, purezza mentale e fisica. La temperatura nella cabina, la parilka (пaрилка),  è di circa 100°, ci si resta al massimo 10 minuti, successivamente ci si immerge nell`acqua ghiacciata per poi rientrare nuovamente nella cabina. Quando la banja è nella dacia (дача) -la seconda casa in campagna-, l`acqua ghiacciata può essere uno stagno, un fiume, o in inverno rotolarsi nella neve. In città invece ci sta la possibilità di andare nelle banje pubbliche dove sono presenti piscine ghiacciate.

Ho avuto l`occasione di andare in una banja insieme ad un gruppo di amici che ha ormai l`abitudine di andarci una volta a settimana. Faceva molto freddo, erano i primi giorni di novembre ed eravamo intorno ai -10°, mi garantirono però che è proprio quando fa molto freddo che i russi preferiscono andarci! Fortunatamente sono andato insieme a persone che erano già addentrate nella materia. Esistono infatti regole, modi di fare non scritti da nessuna parte che se non ti vengono raccontati e mostrati, ci si può sentire un po` spaesati.

Ci diamo appuntamento alle 17 nel piazzale della stazione della metro Vladimirskaya, (linea rossa della metropolitana). Prima di entrare nella banja, andiamo in uno dei negozi di producti (продукты) dove si può comprare qualche spuntino da portare all`interno, come calamari essiccati (che in Russia mangiano come chipster), birra, e la tradizione vorrebbe anche vodka. Vi assicuro che durante e dopo le banja viene molto appetito!

Una volta fatto rifornimento, siamo pronti per entrare, anzi quasi. Prima di arrivare al primo piano -quello riservato agli uomini- , ci fermiamo in un piccolo negozio al piano terra per acquistare il venik (веник), un fascio di ramoscelli (solitamente di betulla) da portare nella banja. Le varietà di fasci sono una decina ma la pianta che viene principalmente utilizzata è quella di betulla, dopo vedremo a cosa serve!

Ora siamo davvero pronti, possiamo salire al primo piano!

Non avevamo con noi né ciabatte né asciugamano ma non è stato un problema perché li abbiamo potuti affittare. Sin dall`ingresso si sente il profumo delle banja, si percepisce un ambiente spartano e amichevole. Entrando infatti si intravedono un televisore, due panche ad angolo, un tavolino centrale dove persone senza maglietta, asciugamano intorno alla vita e ciabatte mangiano uno spuntino, chiacchierano, guardano la tv..insomma si sentono a casa.

Prendiamo una stanza cabina dove poterci spogliare e lasciare tutti gli indumenti, usciamo in asciugamano e ciabatte, e ovviamente con il nostro fascio di betulla appena acquistato. Ci dirigiamo verso un altro ambiente dove vedo docce, bacinelle piene d`acqua e bacinelle vuote, due letti in pietra calda, una botte piena di acqua e ghiaccio dove al massimo ci può entrare una persona, un secchio in metallo a circa tre metri di altezza al quale è collegato una corda, una vasca di acqua fredda senza ghiaccio grande circa 5 metri per 5, un foro nel muro dal quale esce ghiaccio e una porta chiusa con il vetro appannato. Da questo momento divento l`ombra dei miei amici perché non avrei saputo veramente da dove iniziare.

Inizialmente riempiamo di acqua una delle bacinelle e ci immergiamo il nostro fascio di betulla per farlo ammorbidire e impregnare di acqua. Successivamente ci facciamo una doccia calda per ambientarci, in seguito riprendiamo i nostri fasci di betulla ed entriamo nella porta con il vetro appannato: questo è l`ambiente vero e proprio della banja, parilka (парилка).Qui la temperatura arriva fino a 100° e solitamente ci si rimane massimo 10 minuti. L`ambiente è interamente in legno, ci si può sedere sulle panche o quando non ci sono molte persone anche sdraiarcisi. Qualcuno indossa un cappello isolante che protegge il capo dal forte calore. Finalmente entra in gioco anche il venik. Il fascio di ramoscelli viene percosso sul corpo per favorire la microcircolazione del sangue e far percepire ancora di più il calore. I russi frequentano le banja sin da bambini e sono abituati a temperature così elevate!

Subito dopo ci si può immergere due-tre volte nella botte piena di acqua con ghiaccio, trascorrere qualche minuto nella vasca di acqua fredda oppure posizionarsi sotto il secchio -pieno di acqua ghiacciata- e tirare la corda legata ad esso, ma anche prendere una manciata di ghiaccio che fuoriesce dal foro nel muro e passarselo sul corpo. In tutti i casi ovviamente si percepisce una forte differenza di temperatura, una sensazione particolare ma piacevole, che non può essere raccontata ma che deve essere provata! I letti di pietra calda sono altrettanto piacevoli per rilassarsi un po` e alternarli alla parilka e all`acqua ghiacciata. Siamo stati un paio di ore facendo due pause durante le quali abbiamo mangiato e bevuto.

La sensazione di quando si esce è di totale relax. La notte stessa si profonderà nel letto e il giorno dopo ci si sentirà rilassati e più in forma che mai! Ma come mai tutte queste belle sensazioni? Mi sono informato ed ho scoperto che la banja purifica la pelle perché la sudorazione elimina le tossine; favorisce la circolazione del sangue, stabilisce la pressione arteriosa quindi consente all`organismo di rigenerarsi tonificarsi. La banja oltre ad essere un luogo, un rito rigenerante per la mente e per il corpo, a mio avviso è anche un modo per avvicinarsi e conoscere la cultura russa, uscendo dai classici itinerari turistici.

Back to list